Google+

Aumentare commenti blog WordPress

Aumentare commenti blog: consigli pratici

Sei un blogger, hai un blog e scrivi tanti articoli che ritieni veramente interessanti. Ma i commenti? Non è un problema solo tuo, è un problema che assilla tutti i blogger che conosco (inclusa colei che sta scrivendo questo post) e anche coloro che non conosco. Un commento al tuo articolo è una gratificazione enorme per il lavoro che hai fatto. Ricerche, esperienze personali, tutto ciò che hai scritto per te è importante e vorresti che lo fosse anche per gli altri. Le condivisioni sono importanti, certo. Portano backlinks, rendono virali i tuoi contenuti. Ma i commenti ci danno la carica per continuare a scrivere. Non solo! I motori di ricerca vogliono contenuti dinamici. I commenti consentono ad un post di avere dinamicità. In breve migliorano le SERP (Search Engine Report Page) che sono le pagine dei risultati dei motori di ricerca. Chi fa SEO sa bene di cosa sto parlando. ;) Ma come fare per aumentare i commenti. Come sempre quando faccio ricerche per il mio blog, rendo disponibile per i miei lettori il materiale che trovo e raccolgo. E così faccio oggi.

Arriviamo subito al punto. Come aumentare commenti blog?

Prima premessa: più traffico hai sul blog e più potenziali commentatori avrai! Ovvio no? Seconda premessa: se scrivi un papiro, pochi lettori riusciranno a giungere alla fine del post. Ciò significa che ci saranno meno commenti (parla una che scrive testi tutt’altro che sintetici… vabbeh). :P Terza premessa: i tuoi posts devono essere stimolanti, trasmettere un’emozione, scuotere l’anima del lettore. Quando ciò avviene, quest’ultimo commenta. Le emozioni che il tuo post ha suscitato in lui lo costringono. :) Fai finta che i tuoi lettori siano tutti addormentati e che tu debba riuscire con la tua scrittura a svegliarli. Scrivi con passione ed energia. Per il gusto di coinvolgere e stupire i tuoi preziosi lettori e non solo per avere commenti! :) Quarta premessa: convinci i tuoi lettori ad iscriversi ai tuoi feed RSS, magari in cambio di qualche incentivo (un e-book, un video o un webinar) perchè in genere un utente difficilmente commenta la prima volta che visita un blog. Fai sentire i tuoi lettori parte di una comunità e loro saranno più propensi a restare, a dirlo ai loro amici e ad acquistare i tuoi prodotti e servizi. Quinta premessa: enfatizza la mailing list rispetto all’RSS (rendendo quest’ultimo un po’ più difficile da trovare) perchè in media il numero dei sottoscrittori delle newsletter è circa quattro volte superiore a quello degli abbonati ai feed. Sesta premessa: non pubblicare tutti i giorni. Fai percepire ai lettori che metti dell’impegno nella realizzazione dei tuoi posts e non che vuoi solo “fare numero”. Si sentiranno più incentivati a commentare. Settima premessa: quando scrivi un post crea al suo interno collegamenti ad altri post che hai scritto, per consentire anche al visitatore occasionale di conoscerti meglio e di condividere e commentare i vecchi post (rendendoli tra l’altro dinamici per la gioia di Google). Linka ogni giorno dai tuoi profili social (Facebook, Twitter e Google+ in primis) ad uno dei tuoi vecchi post ed invia i tuoi migliori post ai nuovi sottoscrittori della tua newsletter. Ottava premessa: cerca di essere un po’ polemico, ma senza offendere nessuno mi raccomando! La polemica, se utilizzata bene, spinge a commentare. Puoi ad esempio trovare una credenza diffusa nella tua nicchia, che in realtà è sbagliata, e dire al tuo pubblico per quali ragioni non sei d’accordo con essa, senza però essere aggressivo o provocare discussioni non produttive. Nona premessa: attacca un nemico comune (nel mio settore mi viene in mente Internet Explorer) e fatti sentire. E’ uno strumento molto utilizzato in politica e se sai creare la giusta dose di frustrazione nei tuoi lettori, questi non potranno fare a meno di commentare. Decima premessa: realizza frequentemente dei tutorial, guide ed e-books su argomenti interessanti, cercando di renderne facile la comprensione. Renditi poi disponibile a fornire assistenza a coloro che si accingono a seguirne i passi. Riceverai sicuramente molti commenti, anche solo di ringraziamento.

aumentare commenti blog

Messaggio simpatico trovato in un blog inglese, per invitare ai commenti

Va bene, passiamo ad illustrare in 11 punti quali sono i passi da fare per incrementare i commenti sul tuo blog. 1) Mi ispiro al libro Content Marketing di Ann Handley. C.C. Chapman, per me illuminante e che ti consiglio assolutamente. Ai commenti devi rispondere in fretta e con sincerità. Non tanto per scrivere qualcosa, ma con il cuore, per ringraziare la buona volontà dei tuoi lettori. Un po’ come l’attore famoso si prende cura dei suoi fans con una fanpage aggiornata sui social, partecipazione ad eventi e autografi, allo stesso modo tu dovrai prenderti cura dei tuoi lettori. Non propinando loro posts di scarsa qualità e instaurando con loro un dialogo dettato da vera curiosità nei loro confronti. Aumenterai certamente la lealtà dei tuoi lettori, che si affezioneranno al tuo blog e si sentiranno sempre più a loro agio a commentare. E’ un po’ come quando ti avvicini per la prima volta ad un nuovo gruppo di amici. Inizialmente devi conoscerli, poi ti permetti di dire la tua. I tuoi lettori difficilmente daranno voce ai loro pensieri fino a quando non ti conosceranno almeno un po’, attraverso il tuo blog o attraverso i social. Come rispondere ai commenti? Minimo due o tre frasi, una grammatica corretta, fare una domanda, menzionare il nome della persona alla quale ti stai riferendo. Questi consigli miglioreranno di certo l’effetto dei tuoi commenti. 2) Ankit Kumar, blogger, ha un trucco che ha voluto condividere con i suoi lettori e io lo condivido a mia volta con te. Fatti una bella lista di blog simili al tuo, che trattano cioè argomenti correlati al tuo, e una lista di blog sui quali è possibile lasciare commenti. Come trovarli? Tanto per iniziare, se per caso hai già ricevuto qualche commento, annotati la URL dei blog dei blogger che hanno commentato i tuoi articoli. Cerca alcuni blog famosi nella tua nicchia  e ottieni links commentando i post che pubblicano. Come trovarli? Non è difficile. Se bazzichi sui social conoscerai presto i “guru” del tuo settore, o per sentito dire (magari conversando in qualche gruppo) o perchè faranno parte delle tue amicizie virtuali (se non ne fanno parte puoi cogliere l’occasione per chiedere loro l’amicizia. Se i social non ti piacciono (ma se hai un blog, che ti piacciano o meno DEVI esserci) puoi fare una ricerca sui motori con parole chiave adeguate che richiamino argomenti inerenti al tuo settore. Annotato tutto in un file su Microsoft Excel? Bravo. Ora utilizza questo elenco. Come? Organizzazione! Questa è la keyword da non dimenticare mai. Stabilisci un calendario da seguire. Periodicamente, ma con regolarità, lascia commenti (ti prego, non tutti uguali fatti con il copia e incolla!!!!) e il più possibile personali e pertinenti. Per fare ciò, devi ovviamente dedicare qualche minuto alla lettura degli articoli. Il tuo sforzo sarà premiato. Otterrai in questo modo due cose. Backlinks naturali che per la SEO fanno sempre comodo, e potenziali visitatori/commentatori del tuo blog che potrebbero anche diventare nel tempo tuoi amici. Se il blog sul quale lasci commenti appartiene ad un blogger famoso, i commenti che lascerai verranno visualizzati da tantissime persone, per la maggior parte bloggers che hanno blog simili al tuo e che saranno più propensi a commentare rispetto a visitatori che si imbattono nel tuo blog grazie ai motori di ricerca o ai siti di condivisione sociale. Tutto qui? Ma no! C’è dell’altro. 3) Come dice Susan Gunelius, nei suoi 15 Tips to Increase Blog Traffic: “Scrivi bene e scrivi spesso”. Un frequente aggiornamento con contenuti utili è il primo fondamentale passo per costruire ed aumentare il traffico sul tuo blog ( quindi i potenziali commenti) in quanto ogni visitatore che giunge sul tuo blog è un potenziale lettore abituale. Se trova spesso contenuti utili, lo fidelizzerai. Un po’ come accade per le aziende. Se vendono molti buoni prodotti o prestano molti servizi di qualità otterranno clienti affezionati che torneranno. Magari il lettore del tuo post sarà capitato per caso, avendo trovato quest’ultimo sui motori di ricerca o in qualche social. Se troverà il tuo post interessante si iscriverà ai feed Rss. Seguendoti con regolarità, probabilmente finirà per nutrire il desiderio di dire la sua con un commento. 4) Permetti ai tuoi lettori di commentare ciò che scrivi. E adesso tu mi dirai “Ovvio!”. Eppure non è così ovvio per qualcuno. Più di una volta mi è capitato di visitare dei blog che non consentono commenti. Timore di un confronto? Consapevolezza di dire solo sciocchezze o di produrre contenuti di scarsa qualità? Avere come unico obiettivo la SEO e non avere quindi interesse a generare commenti? 5) Invita i tuoi lettori a commentare! A fine post, inserisci qualcosa del tipo “Ti è piaciuto questo articolo? Allora che ne dici di lasciarmi un commento?” oppure “Lasciami la tua opinione in un commento! La leggerò volentieri!”. A questo proposito, Nicholas Cardot sul suo blog Site Sketch 101 ha trovato un modo simpatico ed intelligente per invitare gli utenti a commentare “Alla fine di quasi ogni post che scrivo, creo un paragrafo chiamato “Gruppo di discussione” nel quale invito i miei lettori a condividere con me i loro pensieri, idee ed esperienze. Vedete, ho capito che molti dei miei lettori hanno sperimentato cose che io non conosco, e possono perciò fornirmi una diversa prospettiva. Voglio imparare da loro e rendo chiaro questo concetto in ogni post”. L’ideale è fare domande che stimolino a commentare. Se scrivi qualcosa del tipo “cosa aggiungeresti al mio post?” non raccoglierai molti commenti. Se invece scrivi qualcosa tipo “Qual è il tuo strumento preferito tra questo e quello?” probabilmente otterrai tantissimi commenti.

Spazio ai commenti!

Spazio ai commenti!

6) Non rendere le cose complicate.  Evita di imporre fastidiosi login o moduli Captcha. Per evitare lo spam puoi usare plugin come Askimet se utilizzi WordPress. Il tuo blog deve rimanere assolutamente aperto ai commenti. Fai in modo che per gli utenti lasciare un commento sia facile, veloce e confortevole. Consenti di lasciare un link al loro blog e togli il nofollow (c’è un programmino di Firefox che permette agli utenti di visualizzare i nofollow). 7) Non mettere troppe censure. Consenti agli utenti di esprimere le loro opinioni, anche se non ti piacciono. L’importante è che non siano offensive. 8) Ed ora ti do una “chicca”. CommentLuv lo conosci? No? Male!!! ;) E’ uno dei plugin preferito dai bloggers che usano WordPress! Serve ad incoraggiare il commentatore ad aggiungere commenti. Dopo averlo installato, se un commentatore lascia un commento sul tuo blog dando anche la URL del suo sito web, allora il suo ultimo post verrà visualizzato alla fine del commento. Ovviamente c’è il rovescio della medaglia, e cioè la diminuzione della frequenza di rimbalzo sul tuo blog (cioè rischi che l’utente che legge il tuo post, invece di leggerne altri tuoi, si interessi a quelli dei commentatori e quindi esca dal sito). Si può ovviare a questo cercando di giocare un po’ con la grafica del plugin per avere una sana frequenza di rimbalzo. 9) Fornisci incentivi a coloro che fanno commenti! Premia i lettori che commentano. Ad esempio promuovendo il loro status di Twitter con  il plugin WP Twittip ID. Un altro plugin veramente carino per aiutarti ad aumentare i commenti è il plugin Top Commentators, che mostra il commentatore che commenta di più in un certo periodo di tempo. Puoi ad esempio impostare il link da nofollow a dofollow dopo un certo numero di commenti e quindi in tal caso non toglierai di default il nofollow nei commenti come ti avevo suggerito nel punto 6). Questo plugin incoraggia altri blogger ad essere parte attiva del blog commentando per poter ottenere un backlink dofollow con traffico mirato. 10) Pensa fuori dagli schemi. Sii creativo facendo qualcosa che nessuno sta facendo per aumentare i tuoi commenti. Puoi indire contests tra i commentatori, nei quali i migliori commentatori di un certo mese ricevono regali o ricompense (ad esempio un e-book gratuito al miglior commentatore o degli spazi pubblicitari sul blog nei quali il blogger che ha commentato di più può inserire un banner al suo blog). Puoi inoltre utilizzare un widget sulla barra laterale o sul footer per mostrare i nomi dei lettori che commentano di più sul tuo blog. In tal modo li renderai orgogliosi e fieri di partecipare alle conversazioni, fornirai loro visibilità presso i tuoi lettori e premierai i loro blog aumentandone il page rank.

Aumentare i commenti sul proprio blog

Aumentare i commenti sul proprio blog

11) Cerca di avere un contatto più stretto con i tuoi commentatori. Potresti ad esempio inviare loro una e-mail con la quale li ringrazi per avere commentato, li inviti a continuare a seguirti e ti metti a loro disposizione magari fornendo loro l’indirizzo di posta personale. Tutto ciò trasforma il blog in un qualcosa di familiare, dove il lettore si sente a proprio agio e quindi interagisce senza timore di essere giudicato o di esporsi troppo. Riassumiamo tutto in un’operazione matematica? Ma si dai! :DTraffico + Impegno + Emozione = Un mucchio di commenti   (non l’ho detto io ma un Jon Morrow, fondatore del blog Boost Blog Traffic) Cosa ne dici di mettere subito in pratica ciò che ho scritto in queste solo post e lasciarmi un bel commento? ;) Ok, vediamo se riesco a stimolare una bella discussione. Quali sono le tue tecniche per aumentare i commenti? :) Sul tuo blog i commenti hanno il no-follow o il do-follow? Quanti commenti ricevi in media per ogni post? Troppe domande? Puoi rispondere anche solo ad una di queste!! :D

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
About Giorgia Nicolini

Originaria di Rimini, vivo da alcuni anni a Riccione. Wordpress è la mia passione, assieme a codici, SEO, Social Media, Copywriting, grafica web. Così ho pensato di unire tutto questo in un solo blog, GiorgiaNicolini.Com, che vuole essere un punto di riferimento per bloggers che possiedono un blog, un sito o un portale su Wordpress.

Comments

  1. Ciao Giorgia,
    ho seguito il tuo articolo e ho deciso anche io di installare Commentluv. Unica cosa quando mi commentano non vedo nulla di diverso….devo mettere qualche impostazione che tu sappia? Come va configurato? Grazie mille!!!

  2. Che dire… articolo lunghissimo ma veramente esaustivo sull’argomento.
    Da quello che vedo ho notato che non stai più usando commentluv, ti posso chiedere come mai lo hai abbandonato?
    Troppi spammers?

    Un saluto!

    • Ciao! A dire la verità non l’ho mai installato perchè ultimamente il mio blog, come noterai, è rimasto fermo perchè ho parecchi impegni e anche qualche progetto che richiedono tutto il mio tempo e le mie energie. ;) Se per caso dovessi installarlo tu, fammi sapere come ti trovi. :D

    • Ciao! Purtroppo come già ho spiegato ad altri, non sempre riesco a mettere in pratica tutto ciò che scrivo. Magari potessi! Se però tu lo stai utilizzando spero vorrai lasciarmi la tua opinione! Magari tornerà utile per qualcuno. ;)

  3. Ciao Giorgia premesso che hai scritto un ottimo articolo con argomentazioni che condivido, ho una domanda da farti un po fastidiosa e spero per questo che non me ne vorrai(Non è mia intenzione essere provocatorio è solo per approfondire l’argomento.): la domanda è, condivisioni a parte, quale pensi sia il motivo che ti ha fatto guadagnare cosi pochi commenti nonostante tutte queste utili considerazioni?

    • Ciao Andrea! Non me la prendo, tranquillo! E’ una domanda più che lecita e anche io la porrei al posto tuo (e chissà quanti altri se la sono posta). Ti ringrazio per i complimenti e rispondo alla tua domanda. Premetto che purtroppo (come del resto avrai notato) è da un po’ che non aggiorno il blog, perchè sono troppo piena di impegni ultimamente. Spero di riuscire presto a seguirlo di nuovo e ad aggiornarlo con regolarità. Passando a ciò che mi hai chiesto, credo di aver scritto da qualche parte nel blog che ciò che scrivo non è altro che il frutto di una mera raccolta di informazioni che ritengo utili ed interessanti reperite da varie fonti. Un po’ come se si trattasse di un diario personale. Trovo notizie e tutorial che mi interessano, se sono in lingua straniera traduco, quindi rielaboro il tutto e, tempo permettendo, metto in pratica. Lo spirito con il quale vivo il mio blog personale è questo. Condividere con altri ciò che scopro ogni giorno, un po’ come si fa sui social, perchè ritengo che si tratti di informazioni utili per tutti e spesso non così facili da trovare sul web (sempre nella speranza di non scrivere troppe sciocchezze). Non è mia intenzione farmi passare per una “guru” che si degna di elargire ad altri qualche perla del proprio sapere. Sono una semplice appassionata, autodidatta, che non ha mai fatto corsi e che utilizza il web per imparare. Quando poi ho la fortuna di ricevere commenti, per me è una grande soddisfazione perchè significa che in qualche modo le mie fatiche sono state apprezzate da qualcuno. Tra i miei lettori ci sarà qualcuno più esperto che magari potrà trarre ispirazione dalle mie ricerche. Ci sarà qualcuno che invece non sa nulla o sa molto poco e come me desidera apprendere e migliorarsi cercando informazioni sul web. Ci sarà anche, ne sono certa, qualche esperto che si farà una grassa risata vedendo che di ciò che scrivo non riesco nei fatti a mettere in pratica quasi nulla. Non me la prendo perchè non tutti hanno compreso il mio intento. Ringrazio te che mi hai dato la possibilità di spiegartelo. ;)

Trackbacks

  1. Dr. Rashmi Patel DDS suspended

    Aumentare commenti blog | WordPress | GiorgiaNicolini.Com

  2. Dr. Vincent Malfitano

    Aumentare commenti blog | WordPress | GiorgiaNicolini.Com

  3. Ezequielmichels.Wordpress.Com

    Aumentare commenti blog | WordPress | GiorgiaNicolini.Com

Speak Your Mind

*

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Pinterest
EmailEmail
PrintPrint